16 novembre, 2018

Progetto Robot Farm

Progetto Robot Farm

La robotica in agricoltura

I robot agricoli, detti anche Agbots o Farm Bots, rappresentano un settore di punta della tecnologia che promette importanti realizzazioni nel prossimo decennio o anche prima. Sono già in fase di realizzazione robot quali:

Swarm Farm Bots: si tratta di piccolissimi robot che collaborano fra loro per effettuare operazioni colturali che richiedono precisione e massima dislocabilità. Naturalmente i micro robot si possono dislocare anche in cielo. È il caso dei Farm drones: piccoli aerei o elicotteri (controllati o autonomi), che volando possono monitorare suolo, colture e bestiame.

Abbiamo poi le Robobees: il fine dell’utilizzo del flying honey bee robot dovrebbe essere principalmente quello di garantire l’impollinazione delle coltivazioni. Non meno interessanti sono le Rosphere (o spherical robot): rotolano e possono cambiare direzione. Il robot è fornito di GPS e sensori di prossimità con i quali guida la sua navigazione, e, grazie alla sagoma, può attraversare una coltivazione erbacea senza produrre danni. Una connessione Wi-fi consente il collegamento alla Rete e la trasmissione dei dati che Rosphere rileva sul suolo e sulla coltivazione.

Logo micron

Sulla base delle considerazioni summenzionate e grazie al fondamentale contributo della azienda  Micron Foundation, sede di Avezzano, si è deciso di realizzare un progetto finalizzato alla costruzione di robot semoventi in grado di rilevare diversi parametri ambientali e di trasmetterli ad un computer che, con l’ausilio di softwares specifici, possa acquisire ed elaborare i dati ricevuti.


Per l’anno scolastico 2016/2017 è stato realizzato un progetto interdisciplinare in grado di unire le competenze chimiche, agronomiche, informatiche, meccaniche, elettriche e matematiche.

L’idea è stata quella di assemblare componenti (strutturali/meccanici ed elettronici) e programmare più robot con mobilità su ruote, controllati da remoto da un telecomando IR, ognuno in grado di rilevare e monitorare un particolare parametro del terreno,  dell’acqua o dell’aria attraverso uno specifico sensore.robot farm3scontornato I dati registrati sono stati trasmessi real time ad un computer e sintetizzati attraverso metriche e grafici… Per maggiori informazioni visualizzare l’allegato sottostante

Robot Farm anno scolastico 2016 – 17


Per l’anno scolastico 2017/2018 è stata avviata la realizzazione di un robot agricolo che in una serra si sposta in modo autonomo seguendo una striscia rossa per terra. Il colore viene rilevato dal sensore TCS3200. immagine progettoInoltre nel caso il sensore rilevi invece del colore rosso, quello blu, arduino correggerà la posizione spegnendo uno dei motori, lo stesso se rileva il colore verde. Durante lo spostamento, arduino ogni 10 secondi eseguirà la lettura della temperatura o della luminosità e trasmetterà in radiofrequenza questi valori all’altro arduino, programmato per ricevere, analizzare ed eseguire altri comandi. Quando il secondo arduino riceve un valore di temperatura o di luminosità, lo analizzerà e se dovesse risultare diverso dalla soglia dei parametri impostati accenderà o spegnerà automaticamente l’impianto di illuminazione o riscaldamento.

Date le enormi potenzialità di arduino e l’entusiasmo manifestato dagli studenti già dalle prime battute, non si escudono ulteriori impieghi di altri sensori con conseguenti monitoraggi ed azioni più complesse da far compiere ai robot realizzati .. Per maggiori informazioni visualizzare l’allegato sottostante

Robot Farm anno scolastico 2017 – 18

 Arduino “agricolo” realizzato nell’anno scolastico 2017-18

Related posts